Home » Comunicati Stampa » Appello di EveryOne per profughi di Ashraf

Appello di EveryOne per profughi di Ashraf

COMUNICATO STAMPA

5 dicembre 2011

Iraq: appello di EveryOne e Giuristi Democratici a Ministro degli Esteri italiano per accogliere i profughi di Ashraf

Nello scorso mese di aprile, il Governo iracheno annunciava la chiusura entro la fine del 2011 del campo profughi di Ashraf, che concede rifugio da più di 20 anni a 3400 oppositori della dittatura integralista di Teheran. La decisione è stata resa pubblica dopo due massacri, che hanno causato la morte di cinquanta persone e il ferimento di altre mille circa, fra la popolazione civile del campo, che non ha difese contro la violenza e gli abusi. Le stragi sono avvenute nonostante gli americani avessero promesso di difendere gli abitanti del campo. “Il mondo, che al termine della Seconda guerra mondiale si era impegnato a garantire i Diritti Umani, ha impiegato troppo tempo a reagire” commentano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti dell’organizzazione umanitaria EveryOne, e Fabio Marcelli, membro del Consiglio direttivo dell’Associazione italiana dei giuristi democratici. “L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati è intervenuto a settembre 2011 per confermare a questi dissidenti iraniani lo status di rifugiati politici, tappa preliminare per trasferirli in Paesi terzi, secondo il piano presentato dal Parlamento europeo per risolvere la crisi” spiegano gli attivisti. “Da allora, però, Baghdad ha bloccato tutto. Ha ostacolato il procedimento dell’Alto Commissario e non smette di ripetere, fino a oggi, la sua intenzione di scagliare il terzo attacco contro il campo profughi, che ha intenzione di cancellare. A parte la responsabilità evidente degli Stati Uniti in questa carneficina annunciata, come può il mondo civile giustificare la propria inerzia, essendo testimone degli eventi di Ashraf? Questi innocenti” proseguono i responsabilli di EveryOne e dei Giuristi Democratici, “desiderano solo trasferirsi in un Paese sicuro, mantenendo la loro dignità di esseri umani. I Paesi dell’Unione non avrebbero forse la capacità di accogliere, dividendosene il numero, i 3400 profughi, salvando loro la vita?”. Il Gruppo EveryOne, di concerto con l’associazione Giuristi Democratici (www.giuristidemocratici.it), ha inviato dunque un accorato appello al Ministro degli Esteri italiano Giulio Terzi: “Se il governo Italiano intervenisse per annunciare al governo dell’Iraq di essere disponibile ad accogliere sul proprio territorio parte di questi rifugiati,” si legge nel testo della lettera, recapitata anche alle più alte cariche dello Stato, “Baghdad non avrebbe più alcun argomento per proseguire nello sterminio. Ci rivolgiamo al Governo Monti affinché assuma un’iniziativa che onorerà per sempre l’Italia e di conseguenza coloro che, con coraggio e umanità, avranno deciso di scegliere la via della giustizia e della vita a quella dell’indifferenza di fronte alla persecuzione”.

Per ulteriori iformazioni:
EveryOne Group
+39 393 4010237 :: +39 3313585406
www.everyonegroup.com :: info@everyonegroup.com

© 2010-2012 NoRazzismo · RSS ·NoRazzismo é un portale di informazione indipendente - Powered by Siti Web Piero de Cindio Web Project and Development - WebAgency Cosenza - GFX: Dasco