Home » Solidarietà » Cori razzisti, il giudice chiude la curva della Juve

Cori razzisti, il giudice chiude la curva della Juve

da Repubblica.it

Cori razzisti, il giudice chiude la curva della Juve
Il provvedimento deciso da Tosel dopo gli insulti lanciati da alcuni tifosi bianconeri contro Balotelli in occasione della sfida di coppa Italia contro il Napoli. La società bianconerà non farà ricorso. Blanc: “Siamo contrari a ogni forma di razzismo e violenza”

MILANO – Il giudice sportivo ha disposto la chiusura della Curva Sud dello stadio Olimpico di Torino per la prossima gara casalinga della Juventus. La decisione, legata ai cori razzisti intonati da alcuni sostenitori bianconeri contro Balotelli, è stata adottata dopo la gara degli ottavi di mercoledì scorso contro il Napoli, vinta dai bianconeri 3-0. La Juve non farà ricorso e Blanc ribadisce: “Siamo contro ogni forma di razzismo e violenza”.

LA MOTIVAZIONE – Il giudice sportivo ha adottato il provvedimento poiché “al rientro delle squadre negli spogliatoi per l’intervallo, sostenitori della Soc. Juventus, collocati nel settore denominato “Curva-Sud”, indirizzavano ad un calciatore tesserato per altra Società (Balotelli, ndr) un coro costituente espressione di discriminazione razziale”. Il giudice ha preso in considerazione “la specifica e reiterata recidività”. Sull’entità della sanzione hanno influito anche circostanze esimenti: “La non reiterazione nel corso della gara del comportamento discriminatorio, la sua riferibilità esclusiva ad uno specifico settore dello stadio e la concreta cooperazione offerta dalla Società alle forze dell’ordine a fini preventivi e dissuasivi”.

LO STOP – Il provvedimento di chiusura della curva sarà quindi eseguito in occasione di Juventus-Roma, prossima partita dei bianconeri in casa, anticipo della 21/a giornata in programma sabato 23 gennaio alle 20.45.

NIENTE RICORSO – La Juventus non farà ricorso contro la chiusura della curva Scirea Sud. Il club bianconero vuole così operare una netta scelta di campo sul tema del razzismo. “Prendiamo atto della decisione della giustizia sportiva che ha valutato con grande attenzione fatti precisi – ha detto Blanc lasciando la sede della Lega calcio dopo la riunione del Consiglio -. Ribadiamo ancora una volta che la Juventus è contro ogni forma di razzismo e di violenza”. Blanc però non si limita a questo e chiede di pensare a nuove soluzioni: “Abbiamo gia’ attivato negli ultimi mesi misure importanti in questo senso – ha aggiunto il presidente della Juventus – ma è forse il momento che tutto il movimento calcio dia una mano. Questo problema che è grave in tanti stadi italiani non solo a Torino non si è risolto con tutti gli sforzi che abbiamo fatto. Il sistema calcio deve perciò prendere misure per risolvere e forse il fatto che polizia e carabinieri sono fuori dagli stadi non ha aiutato a risolvere questo problema”. “Ripensare anche questo – ha concluso – forse è un’ esigenza sulla quale a livello di Lega e di governo si dovrebbe riflettere. Le norme che ci sono attualmente non permettono di fermare questo fenomeno”.
E adesso? “Adesso anche come Juventus ci incontreremo di nuovo con le autorità a Torino per vedere cosa si può fare per lottare contro la violenza e il razzismo”, ha risposto Blanc facendo trapelare tutta l’impotenza e l’inquietudine della società a combattere un pugno di tifosi irresponsabili.


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/norazzis/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273