Home » Featured, Razzismo » Ungheria, le politiche premiano l’estrema destra razzista

Ungheria, le politiche premiano l’estrema destra razzista

Anche in Ungheria, come in altri Paesi europei, soffia forte il vento della destra e soprattutto del nazionalismo xenofobo.

UngheriaLo dimostrano le elezioni politiche che si sono chiuse domenica sera sancendo il secondo trionfo di fila per Viktor Orban, 50enne presidente uscente e leader del centrodestra conservatore Fidesz che ha nettamente battuto con il 45% dei consensi il centrosinistra di ‘Alleanza Democratica‘ che metteva insieme socialisti, liberali e verdi. Ma la notizia più preoccupante è l’ascesa del partito Jobbik, che rappresenta l’ultradestra xenofoba, arrivando al 21%.

Secondo i primi dati dello scrutinio, al centrodestra andranno 135 dei 199 seggi in Parlamento, largamente sufficienti per per formare il nuovo governo, anche se i populisti di Orban hanno fatto registrare un leggero calo rispetto a quattro anni fa. Merito, o colpa, degli estremisti di Jobbik, partito che ha puntato fortissimo sulla xenofobia tanto che ancora il giorno delle elezioni hanno tempestato milioni di elettori con messaggi sui telefonini che recitavano “Votate noi, così spariranno gli zingari”.

Evidentemente argomenti che in Ungheria fanno ancora presa, così come le limitazioni delle libertà civili e di espressione, una certa apertura all’omofobia e la lotta ad una magistratura che da Orban è stata letteralmente messa in minoranza. Eppure dopo anni di crisi l’Ungheria ha mostrato chiari segnali di ripresa, anche per la forte tassazione imposta a banche e aziende del settore energetico. E così, a scapito dei diritti umani, il centrodestra vola.

 


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/norazzis/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273